Impianti di videosorveglianza

Come facciamo a scegliere un impianto di videosorveglianza adatto alle nostre esigenze? La prima cosa è individuare le zone e i punti critici che  desideriamo sorvegliare che possono essere stanze, porte d’ingresso, esterni di case o ville etc… Dopo aver individuato le zone bisogna scegliere un DVR adatto che supporti il numero di telecamere di videosorveglianza che faccia a casa nostro, i DVR possono essere di 4, 8 e 16 canali  e di conseguenza possono gestire dalle 4 alle 16 telecamere contemporaneamente.

Dopo aver individuato le zone nevralgiche su cui agire bisogna scegliere il tipo di telecamera di videosorveglianza adatte alla nostra struttura. Per esempio dobbiamo valutare le distanze che passano dalla telecamera al punto da inquadrare, per esempio se le distanze sono elevate (più di 25 metri) si può optare per un tipo di telecamere con focale variabile in grado aumentare e diminuire lo zoom anziché di modello con focale fissa adatte per distanze che non superino i 25 metri. In alcuni casi dove le distanze tra zona e la telecamera sono estraneamente elevate si optare anche per una soluzione wireless utilizzando un tipo particolare di telecamere senza fili ovvero le telecamere IP.

Oltre alle distanze dobbiamo valutare se abbiamo particolari esigenze di catturare immagini notturne, da premettere che tutte le telecamere di videosorveglianza professionali sono dotate di un sensore CCD estremamente sensibile che permette alle telecamere di adattarsi automaticamente a tutte le condizioni di luce, ma di notte abbiamo bisogno di una telecamera che abbia come minimo 24 led infrarossi se vogliamo catturare immagini di alta qualità (in bianco e nero) anche in casi di buoi totale a distanze che vanno da 7 ai 10 metri. La differenza di illuminazione di una telecamere sta in base al sensore che utilizza il tipo di telecamera, generalmente i sensori sono di 2 tipi CMOS e CCD, il sensore CCD è di gran lunga più sensibile del CMOS ed è molto più efficaci in termini di prestazioni.

La scelta telecamere in questi casi è fondamentale, bisogna considerare principalmente la distanza che passa tra la telecamere è il punto da sorvegliare e optare per una telecamera a focale fissa o variabile. Per quanto riguarda le riprese notturne, le qualità delle immagini deriva dal numero di led integrati dalla telecamera, è consigliabile una telecamere di videosorveglianza che monti minimo 24 led capaci di illuminare la scena a distanza che va da 7 a 10 metri, se abbiamo bisogno di illuminare la scena a una distanza maggiore possiamo optare per una telecamera con 36 led che illumina a una distanza che va dai 25 a 45 metri. La differenza dell’illuminazione delle telecamera sta nel tipo di sensore che montano. Una telecamere con sensore CCD Illuminerà sicuramente di più di una telecamere con sensore COMS con led di pari livello, questo perché il sensore CCD è molto più sensibile alla luce.